FORGOT YOUR DETAILS?

Parte la sperimentazione al Museo diocesano di Reggio Calabria

by / martedì, 18 agosto 2015 / Published in News, Realtà aumentata

Il Team di MyCultuREC e del MuseoLa tecnologia al servizio della cultura per migliorare i servizi offerti dal Museo diocesano di Reggio Calabria.  Nei giorni scorsi è stato siglato un Protocollo d’intesa tra il Museo diocesano “Mons. Aurelio Sorrentino” di Reggio Calabria e Reclife srl per la sperimentazione del Progetto MyCultuREC.
Reclife srl è uno spin-off dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, costituito con l’obiettivo di promuovere iniziative a carattere scientifico per la valorizzazione dei beni culturali attraverso gli strumenti digitali: coordinato dai docenti Claudio De Capua e Domenico Ursino, è composto da Gianluca Lipari, Maria Carla Lugarà, Paolo Lo Giudice e Domenico Rositano.

Reclife srl nel 2014 ha partecipato al Bando Talent Lab Spin-off promosso da CalabriaInnova per il sostegno di  spin-off da parte di operatori della ricerca, risultandone tra i vincitori con il Progetto denominato, appunto, MyCultuREC.

Si tratta di una soluzione tecnologica integrata, offerta a musei pubblici e privati, utile a effettuare indagini sui flussi d’interesse dei visitatori, fornendo loro una guida testuale e audio sulle opere esposte. L’app utilizzerà la realtà aumentata per offrire ai visitatori maggiori informazioni e contenuti multimediali sulle opere esposte, registrando la visita e interagendo anche a distanza, informandoli di novità ed eventi che si promuovono nello spazio museale.

Esso risponde in modo ottimale all’esigenza avvertita da ogni Museo di elaborare piani di marketing efficaci, conducendo con frequenza specifici e mirati studi sui visitatori non più attraverso processi e strumenti analogici, ma ricorrendo a tecnologie informatiche e digitali.

I dati raccolti offerti ai Musei consentiranno loro un feedback diretto, la misura della qualità del servizio offerto, la valutazione di interessi, trend e variazioni nelle abitudini dei visitatori per poter, eventualmente, intervenire in maniera puntuale; al tempo stesso la raccolta di tali dati offrirà al visitatore del Museo un ricordo “personalizzato” dell’esperienza compiuta.

Il Museo diocesano di Reggio Calabria, partner del  Progetto MyCulturREC, ne accoglierà la sperimentazione,  innovando e integrando le proprie indagini sul pubblico, offrendo un servizio di audioguida e proponendo, attraverso lo strumento digitale, itinerari di visita tematici, con rinvii, ad esempio, al territorio e ai contesti di provenienza delle opere.

Lascia una risposta

TOP